BACI AL SEMAFORO

Rosso. Rallento, mi fermo.
Già parecchio traffico questa mattina.
Macchine ferme al semaforo.
Mi metto in fila, direzione centro.
Accanto a me altre vetture aspettano il verde per dirigersi al mare.
A fianco a me una macchina sportiva, all’interno dei ragazzi.
Giovani e carini.
Mi giro a guardarli una sola volta, annoiata dal traffico e sbadigliando.
Ma sento come dei colpetti lontani.
I ragazzi stanno picchiando sui vetri della loto auto.
E mi mandano dei baci.
Dei baci, avete capito bene.
Mi rigiro.
Mi guardo allo specchietto, tra occhiali da sole e berettone in lana non credo di essere così fascinosa.
Riguardo verso i ragazzi, mandano ancora baci.
Poi uno di loro fa un gesto con la mano e io capisco.
Mi sposto all’indietro di qualche centimetro, giusto il poco che basta per far uscire dall’abitacolo il testone di Denver.
Di nuovo baci, moine e carinerie.
Ecco per chi erano i baci.
Per il mio co-pilota preferito.
Cucciolone ancora in crescita che adora stare seduto sul sedile davanti dell’auto come un cristiano.
Ancorato con la cintura di sicurezza, sedile riscaldato al livello uno, se ne sta là a scrutare il mondo fuori.
Mi ricorda i viaggi in macchina che facevo con mia madre.
Mi diceva che per imparare a guidare dovevo osservare attentamente cosa faceva lei.
Freno, frizione, marcia.
Io me ne stavo lì, seduta a fianco a lei sognando di guidare e raggiungere chissà quali mete.
E oggi, mi ritrovo qua, dentro l’abitacolo minuscolo di una smart, con una cane di taglia gigante seduto al posto che una volta era mio.
Lui mi osserva, osserva la strada e gli altri cani che passeggiano.
Soprattutto gli altri cani.
Sta seduto composto meglio di un bambino e anche di qualche adulto che conosco.
Mi accompagna a fare la spesa, al mercato e a trovare la nonna.
Paziente più di un marito, si sorbisce tutte le chiacchiere infinite delle persone che incontro, le attese e le code in fila alla cassa.
Ecco, quelle se potesse le eviterebbe ma gli ho già spiegato che gli oggetti si devono pagare e non si può uscire così all’arrembaggio.
Ma il suo momento preferito è quello in cui risaliamo in macchina.
Allacciamo la cintura e siamo pronti per un nuovo viaggio.

RAVIOLI AL RADICCHIO
Serves 2
Un primo piatto preparato con pasta fresca fatta in casa e un ripieno ricco di vitamine e sali minerali.
Write a review
Print
Prep Time
40 min
Prep Time
40 min
Ingredients
  1. 2 uova fresche
  2. 200 g di farina 1
  3. 250 g di radicchio di Chioggia
  4. 250 g di stracchino cremoso
  5. sale
  6. pepe
Instructions
  1. Cominciate preparando la pasta.
  2. Su un tagliere, fate una fontana con la farina e rompete le uova al centro.
  3. Amalgamate le uova con la farina con l'aiuto di una forchetta, unendo poca farina alla volta.
  4. Impastate bene e con energia per 10 minuti. Quando otterrete un impasto sodo ed elastico, formate una pagnotta e mettete a riposare coperto da una ciotola per 30 minuti circa.
  5. Nel frattempo lavate e mondate il radicchio, tritatelo finemente con l'aiuto di un blender o un frullatore. Scolatelo bene dall'acqua di vegetazione e unitelo allo stracchino.
  6. Salate e pepate e tenete pronto per la farcitura.
  7. Ora tirate la pasta, io utilizzo la sfoglina così riesco ad utilizzare tutti i ritagli di pasta.
  8. Deve diventare sottile ma non troppo e rimanere elastica.
  9. Ora farcite con l'impasto, aiutandovi con due cucchiaini lasciando spazio tra un raviolo e l'altro.
  10. Utilizzate una formina per ritagliare i ravioli.
  11. Spolverizzate con un velo di farina un vassoio e adagiateci i vostri ravioli pronti.
  12. Lasciateli seccare un poco a contatto con l'aria prima di cuocerli.
La tagliatella ñuda http://www.latagliatellanuda.ifood.it/

RICOMINCIAMO

PRIMI PIATTI | 22 settembre 2016 | By

Settembre, quasi un gennaio.
Tempo di nuovi progetti, di ripartenze e nuovi inizi anche per chi non si è mai fermato.
Comincia così questo mio autunno.
Tante cose bellissime e nuove sfide.
Soprattutto ritorna la voglia di mangiare bene, di preparare pietanze elaborate ed impastare con le mani.
E’ quasi una medicina per me.
Sentire la farina tra le dita, constatarne la ruvidezza e il profumo di buono.
Profumo di altri tempi, di cose preparate nel tepore di casa.
Impastate a mano perché solo così si può veramente sentire l’incordatura giusta.
L’elasticità della pasta e la ruvidezza perfetta.
Impastare e impastare ancora fino a quando si ottiene una pasta soda e liscia al tatto.
E’ una cosa di cui non posso fare a meno.
Ha un che di corroborante e allo stesso tempo rilassante.
Mi riporta alle domeniche dai nonni.
Cascasse il mondo, a pranzo c’erano sempre le tagliatelle.
Io e mio fratello facevamo la spola al tagliere per assaggiare un po’ di pasta cruda.
Tra sbuffi di farina la nonna ci rimproverava.
Benevolmente però, le piaceva averci intorno mentre stendeva la sfoglia.
Nel tepore della cucina, con il pentolone per l’acqua che sobbolliva sulla fiamma.
Il rivestimento di candide mattonelle umido per la condensa.
Il tagliere estratto dal vano della tavola e poggiato sopra.
Cosparso di farina e al centro, sotto ad un canovaccio umido, la pasta fresca.
Il riposo fa la magia, diceva la nonna.
Rende perfetta ed elastica la pasta.
Sembrava che non ascoltassi al tempo, ma le nozioni importanti ho cercato di impararle tutte.
Forse è per questo che ogni volta che preparo la sfoglia (pasta fresca detto alla riminese) ritorno un po’ bambina.
In quella cucina calda ed accogliente, con la nonna a farmi da mentore.
Mangio un pezzetto di pasta cruda di nascosto, riesco ancora a sentire la voce della nonna che mi sgrida.
Oggi le racconto che preparerò spaghetti verdi fatti in casa utilizzando una farina speciale, apposita per la pasta fresca e lei mi dice che sono diventata davvero brava.
Sono anni che ha appeso il matterello al chiodo, per cui adesso abbiamo fatto cambio.
Io preparo la pasta fatta in casa e la porto a lei, dopotutto qualcosa le devo.

spaghetti-verdi-al-tartufo-passo-passo

Spaghetti verdi al tartufo
Serves 2
Una versione tutta verde per gli spaghetti fatti in casa
Write a review
Print
Prep Time
40 min
Cook Time
1 min
Prep Time
40 min
Cook Time
1 min
Ingredients
  1. 150 g farina Molino Quaglia, Gran Pasta
  2. 90 g semola di grano duro
  3. 120 g spinaci freschi tritati
  4. 2 uova
  5. olio evo
Per il condimento al tartufo
  1. 50 g burro
  2. 10 g tartufo scorzone
Instructions
  1. Preparate la pasta formando una fontana con la farina al centro del tagliere.
  2. Inserite le uova e gli spinaci al centro e iniziate ad impastare.
  3. Unite poco alla volta anche la semola e impastate a più riprese fino a formare un composto sodo ed elastico.
  4. Coprite con una ciotola e lasciate riposare almeno 30 minuti.
  5. Riprendete la pasta e impastate brevemente per ridarle vigore.
  6. Ora prelevatene una parte ed assottigliatela con le mani.
  7. Passate nella sfogliatrice, fino ad ottenere una sfoglia non troppo sottile. (Io utilizzo la misura 3)
  8. Stendete tutte le strisce di sfoglia e mettetele su una superficie infarinata a riposare ed asciugare per almeno 1 ora.
  9. Preparate l'accessorio per i tagliolini nella vostra sfogliatrice e passate la vostra sfoglia.
  10. Raccogliete gli spaghetti che si formeranno ed avvolgeteli in matassine.
  11. Buttate gli spaghetti in acqua bollente in cui avrete aggiunto un filo di olio per far si che non si attacchi la pasta.
  12. Appena verranno a galla, spegnate la fiamma e scolateli.
  13. Conditeli subito con burro fuso in cui avrete tritato 3/4 del tartufo.
  14. Guarnite con il tartufo rimasto tagliato a lamelle.
  15. Gustate caldi!
Notes
  1. A seconda dell'umidità può variare il tempo di attesa.
  2. Io consiglio di aspettare sempre qualche minuto in più, così gli spaghetti non si attaccheranno.
La tagliatella ñuda http://www.latagliatellanuda.ifood.it/
spaghetti-verdi-al-tartufo-passo-passo-1

spaghetti-verdi-al-tartufo-3

spaghetti-verdi-al-tartufo-7

 

MALEDETTA PRIMAVERA

Non ci sono più le stagioni di una volta.
Così si dice.
Eppure io sono consapevole del cambiamento in atto.

Lo sento nell’aria…maledetti pollini.
Me ne accorgo al mattino quando mi sveglio…più stanca di quando sono andata a letto.
Maledetta vecchiaia.
Una volta, quando ero giovane la primavera era un tripudio di ormoni e serotonina a palla.
Ora è un insieme di starnuti, acciacchi vari e gastrite di stagione.
Ma comunque la primavera rimane sempre la mia stagione preferita.
E’ un risveglio dell’anima.
Me ne accorgo al mattino presto quando io e Denver usciamo per la passeggiata.
Non puoi certo portare un cane corso a fare i bisogni all’angolo come puoi fare con un pincher.
Denver vuole sgroppare, preferibilmente di prima mattina quando hai appena preso il caffè.
D’orzo per di più,visto che la caffeina normale ahimè non la tollero.
Immaginate quindi con che faccia sveglia mi aggiro all’alba per le strade.
Ma quando arrivo al fiume è tutta un’ altra storia.
L’erba è tornata ad essere verde e le margherite ne ricoprono buona parte.
Giorno per giorno fanno capolino nuovi fiori e io mi rendo conto di conoscerne pochissimi.
Mai stata una da fiori…eppure in questi giorni mi vedo tornare a casa con tulipani selvatici raccolti nel campo e pasqualotti colorati che mi inebriano con il loro profumo.
Quanto vorrei conoscere al meglio le piante che mi circondano durante la nostra passeggiata mattutina.
Già mi vedo a raccoglier fiori di borragine e ortica e tornata a casa preparaci dei succulenti piatti come faceva nonna.
Il nonno era il vero conoscitore di piante ed erbe e le utilizzava anche per i medicamenti naturali.
Vorrei averlo conosciuto di più ed averlo ascoltato più a lungo quando mi spiegava quali erbe raccogliere e quali invece no.
Ma ero solo un bimbetta.
Bionda e lentigginosa che cercava sempre un buon motivo per andare in giro per i campi.
Poi crescendo avrei voluto essere una di città, tutta nebbia e cemento.
Ho sviluppato tardi il legame con la terra, la mia terra.
Ma ora più che mai sento il bisogno di coltivarla e di cibarmi delle sue primizie.
Un ritorno alle origini, quando c’erano ancora le mezze stagioni.
Quando si potevano mangiare anche le fragole ed io ero solo una bimbetta bionda e lentigginosa.

RAVIOLI CAVOLO NERO E RICOTTA 3-3163

RAVIOLI CAVOLO NERO E RICOTTA
Serves 2
Write a review
Print
Prep Time
45 min
Cook Time
15 min
Total Time
1 hr
Prep Time
45 min
Cook Time
15 min
Total Time
1 hr
Ingredients
  1. 500 gr di ricotta di mucca
  2. 1 cespo di cavolo nero
  3. 250 gr di farina 1
  4. 1 uovo d'oca
  5. 50 gr di parmigiano
  6. 25 gr di burro salato
  7. olio evo
  8. salvia
  9. pepe
  10. sale
Instructions
  1. Mettete a scolare la ricotta.
  2. Preparate la sfoglia formando una fontana con la farina e rompendo l'uovo al centro.
  3. Unite la farina poco alla volta e iniziate ad impastare unendo, se serve, un cucchiaio di acqua per dare elasticità.
  4. Continuate ad impastare finché otterrete un impasto liscio e sodo.
  5. Formate una pagnotta e coprite con un canovaccio umido e lasciate riposare.
  6. Mondate e lavate il cavolo nero e sbollentatelo in una padella.
  7. Salate e fate cuocere una decina di minuti.
  8. Se asciuga troppo unite un poco di acqua.
  9. Scolate bene e tritate finemente il cavolo nero.
  10. Unitelo alla ricotta e al parmigiano e mescolate bene.
  11. Stendete la sfoglia sottile.
  12. Con l'aiuto di due cucchiaini formate delle sfere con l'impasto di cavolo e formaggio e adagiatele sulla sfoglia distanziate tra loro.
  13. Ricoprite con la metà della sfoglia libera e ritagliateli con uno stampo per ravioli.
  14. Mettete a bollire abbondante acqua salata e unite un filo d'olio così la pasta non si attaccherà.
  15. Versate i ravioli e fate cuocere per 2 minuti circa.
  16. Scolateli e saltateli insieme al burro salato e alle foglioline di salvia.
  17. Spolverate con il pepe e il parmigiano.
La tagliatella ñuda http://www.latagliatellanuda.ifood.it/

RAVIOLI CAVOLO NERO E RICOTTA 13-3169

RAVIOLI CAVOLO NERO E RICOTTA 5-3181

RAVIOLI CAVOLO NERO E RICOTTA 6-3192

LA FATTORIA

Vi ho già raccontato della mia paura, anzi fobia dei cani.
Quello che non vi ho detto è che da piccola avevo una propria avversione verso tutti gli animali.
Potrebbe essere colpa delle scimmie che allo zoo di Pistoia mi avevano sputato in testa durante la gita scolastica?
Oppure per il lama che mi è corso dietro al circo americano?
Non serve raccontarvi che pure il lama mi ha sputato vero?
Forse questa avversione doveva essere reciproca, che dire.
Comunque, mia madre provò in tutti i modi a farmi conoscere e amare gli animali.
Si incaponiva soprattutto portandomi spesso alla fattoria della sua amica in aperta campagna.
Dove ogni volta venivamo accolte festosamente, si fa per dire, dalle sue oche da guardia.
Nemmeno il più feroce dei pastori tedeschi reggeva il confronto con loro.
Io avevo chiaramente paura e le oche starnazzavano a più non posso, finché l’amica di mia madre non le richiamava all’ordine.
E loro come brave soldatine si mettevano sull’attenti.
Ne avevo talmente paura che i due vecchi maremmani mi sembravano quasi simpatici.
In quegli anni ho conosciuto non solo le oche, ma anche i maiali, le mucche e le capre.
Ho visto crescere i conigli e i pulcini.
Spalato il fieno, almeno finché non mi è venuta l’allergia.
Raccolto le uova e l’insalata.
Forse è per quello che ancora oggi mi è rimasta questa voglia di campagna che tento di alleviare zappando l’orto come se non ci fosse un domani.
Ritornando agli animali, nonostante mia madre ci abbia provato, io sono sempre rimasta sulle mie di fronte ad un quadrupede o bipede, di razza animale.
Ho sempre avuto un sano rispetto dovuto da un non sano terrore.
Non si è mai capito il perché ma io e gli animali non andavamo d’accordo.
Questo fino a qualche tempo fa.
Come ben sapete negli ultimi mesi è arrivato in famiglia uno splendido quattrozampe.
E mi ha salvato la vita.
Meglio tardi che mai mi viene da dire.
Mia madre è leggermente infastidita dal fatto che un cucciolo (di oramai 40 chilogrammi) è riuscito in quello in cui lei aveva miseramente fallito.
Ma le passerà…
Io nel frattempo, mi godo tutto quello che mi ero persa in questi anni amando e lasciandomi amare dal mio splendido Denver.
Passo gran parte della mia giornata con lui e parliamo tantissimo, o meglio io parlo e lui ascolta.
E’ molto curioso, soprattutto quando sono indaffarata in cucina.
Oggi ad esempio gli ho mostrato come si preparano le tagliatelle.
Con le uova d’oca per la precisione.
E lui si è dimostrato interessatissimo alla cosa, soprattutto all’enorme uovo bianco che troneggiava sopra la sua testa.
Deve aver pensato fosse il suo compleanno e Natale insieme per aver meritato un uovo tanto meraviglioso.
Ma aveva pensato male…l’uovo sodo solo di sabato sera e oggi è mercoledì.
Stasera tagliatelle!

TAGLIATELLE ALL'UOVO D'OCA 4-2768

TAGLIATELLE CON UOVO D'OCA
Serves 2
Write a review
Print
Prep Time
30 min
Cook Time
1 min
Total Time
31 min
Prep Time
30 min
Cook Time
1 min
Total Time
31 min
Ingredients
  1. 250 gr di farina 1
  2. 1 uovo d'oca
  3. acqua
  4. sale
  5. olio
Instructions
  1. Formate una fontana con la farina e inserite l'uovo al centro.
  2. Iniziate ad impastare con decisione unendo un cucchiaio di acqua per rendere più elastica la pasta.
  3. Continuate fino ad ottenere un impasto sodo e liscio.
  4. Coprite con un canovaccio e lasciate riposare una decina di minuti.
  5. Mettete sul fuoco una casseruola capiente con acqua salata e un filo d'olio, così la pasta non si attaccherà.
  6. Tirate la pasta aiutandovi con la farina fino ad ottenere una sfoglia sottile e quasi trasparente.
  7. Infarinate bene, richiedete su se stessa e con un coltello ben affilato ritagliate le vostre tagliatelle.
  8. Apritele con le mani scuotendole più volte.
  9. Quando l'acqua bollirà aggiungete le tagliatelle e alzate la fiamma.
  10. Appena vengono a galla sono pronte.
  11. Scolatele dall'acqua e conditele a vostro piacimento.
Notes
  1. Nel mio caso ho condito le tagliatelle questo buonissimo ragù
La tagliatella ñuda http://www.latagliatellanuda.ifood.it/
TAGLIATELLE ALL'UOVO D'OCA 13-2818

TAGLIATELLE ALL'UOVO D'OCA 16-2763

TAGLIATELLE ALL'UOVO D'OCA 6-2785

TAGLIATELLE ALL'UOVO D'OCA 8-2791

LA CASETTA NEL VERDE

Mettete tre donne insieme,un week end assolato e del buon cibo ed otterrete un algoritmo perfetto.
Se poi tutto questo ha come location una casetta di campagna,appollaiata in fondo ad una valle colorata di un verde che in vita vostra non avete mai visto,avrete tutti gli ingredienti giusti per passare le prossime ore magnificamente.
Gli uomini si occupano della legna per il camino e poi si eclissano.
Probabilmente sono fuori sul prato.
Stesi sulle margherite che ricoprono il tappeto erboso.
Gli occhi al cielo azzurro.
Talmente rilassati che sentiremo parlare di loro poco e niente in queste prossime ore.
Nel frattempo per noi donne ci sono mille cose da fare.
Aprire le finestre,fare i letti,controllare la dispensa,lavare le stoviglie,cercare gli asciugamani puliti,togliere la polvere e spazzare il pavimento.
Tutto questo insieme,un sorso di vino e qualche chiacchiera e poi si riparte a sbrigare faccende.
Mettete tre donne insieme in una casa e ve la ribalteranno in poche ore.
Mettete che ad attenderle ci sia un patio di legno immerso nel verde,sotto una cascata di glicini appena fioriti e ci metteranno anche meno.
Riusciamo anche a rilassarci e scattare qualche fotografia.
Il paesaggio attorno a noi è qualcosa di paradisiaco e corriamo estasiate come bambine in mezzo ai campi verdi sterminati.
La fame si fa sentire e decidiamo di preparare gli gnocchi per cena.
Gli asparagi sono freschi e il lardo è quello nostrano.
La ricotta erborinata è di un’azienda agricola della zona.
Non c’è bisogno di tanta lavorazione ed inventiva.
Queste primizie parlano da sole e la semplicità vince sempre.
E’ bello vedere tre donne intente in cucina.
Chi monda gli asparagi e li mette a lessare,chi taglia il lardo e ne mangia più di quello che dovrebbe (io),chi taglia la ricotta.
Sembra quasi la scena di un dipinto olandese. 
La luce che entra dalle finestre e cade sui muri,il camino che riscalda l’ampia cucina e il vino nella brocca.
Il lardo che sfrigola in padella insieme alle verdure e il pane di quello buono a tostare sulla gratella.
Quei piccoli piaceri che condivisi assieme a persone amiche prendono un valore ancora più grande.
Gli uomini smettono di giocare a carte attirati dal profumo del sugo.
L’acqua bolle già e gli gnocchi cuociono in fretta.
Mai cena fu più deliziosa di questa.
Riscaldati dal tepore del camino e dalla condivisione del buon cibo,in buona compagnia.
Una cena luculliana,senza fretta.
Con pause per le risate,per guardare le stelle e giocare con il cane comparso nell’aia.
Senza quella fretta che ci attanaglia solitamente.
Qui ci prendiamo il tempo per goderci la vita,anche se solo per un giorno o due.
Questa è la magia della casetta in mezzo al verde.
E’ la magia della compagnia di persone care.
E’ la magia del buon cibo.
E della condivisione.
Nulla importa di più.

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA2

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA

 

ingredienti per 4 persone

 

1 mazzo di asparagi
1 fetta di lardo da 40 gr
500 gr di gnocchi fatti in casa
ricotta erborinata
1 spicchio d’aglio fresco
olio evo
pepe nero
sale

Mondate gli asparagi e lessateli in abbondante acqua.
Nel frattempo tritate l’aglio e riducete in pezzettini anche il lardo.
Fate scaldare un filo di olio in una padella e lasciate soffriggere l’aglio insieme al lardo per qualche minuto.
Scolate gli asparagi e tagliateli grossolanamente.
Uniteli al soffritto e fate cuocere per 10/15 minuti.
Salate e pepate con parsimonia perché il lardo è già saporito.
Preparate una pentola capiente per gli gnocchi e versatevi l’acqua.
Salatela e portatela a bollore. Io aggiungo un filo di olio per non far attaccare la pasta.
Versate gli gnocchi e non appena salgono a galla,scolateli.
Uniteli al sugo insieme a un mestolo di acqua di cottura e saltateli per 2 o tre minuti. Cospargete con la ricotta erborinata,spegnete la fiamma e date una bella mescolata.
Date una spolverata di pepe nero macinato al momento e servite subito.

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA1

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA3

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA5

 

GNOCCHI ASPARAGI & RICOTTA ERBORINATA6

CONSIGLIA Polpette di quinoa