SONO LE 4 E TUTTO VA BENE.

O meglio non va bene.
Ancora una volta mi giro e rigiro nel letto.
Spalanco gli occhi e vedo buio,ancora presto per alzarsi.
Il mio corpo langue sotto il tepore delle coperte ma la testa è già un turbinio di idee…
Di solito è in questo momento che mi vengono le idee migliori in fatto di cibo tra mille buoni propositi per la giornata (tipo NON giocare o almeno provarci,a Candy Crush fino a notte fonda).
Ne sa qualcosa mio marito…già la sera prima inizio a domandare cosa si potrebbe mangiare.
Non siamo di quelle coppie ” a menù fisso” come le chiamo io.
Parlo di quelle famiglie in cui ad ogni giorno della settimana è abbinata una ricetta prestabilità.
Ad esempio,oggi è mercoledì e a casa di mia suocera (potete scommetterci) per cena si mangerà : cotolette impanate.
E’ così da anni,probabilmente da sempre. 
Ieri ci sarebbe stato l’arrosto e via dicendo…
Non ne discuto l’utilità soprattutto per chi lavora e ha figli.
Gestire tutto e decidere cosa preparare per pranzo e cena credo sia un arduo lavoro. E la mia stima va a tutte queste donne!!
Però…non pensate che svegliarvi una mattina con ancora in mente l’hamburger grondante salsa bbq che stavate sognando e sapere invece di dover mangiare il minestrone sia un pò triste?
Che anche se non era minestrone ed erano costolette sarebbe stato uguale,per quanto io ami le costolette di maiale…preferisco sempre l’hamburger.
O meglio,preferisco poter scegliere.
Che è poi uno dei motivi che mi fa mettere passione in cucina e in quello che cucino.
Svegliarmi in piena notte con in testa l’idea di fare la pasta sfoglia non mi era mai capitato però.
Anzi,rettifico.
Era capitato già altre volte,ma leggendo la lunga preparazione per realizzarla avevo sempre lasciato perdere.
Ma non questa volta.
Ancora mezza addormenta,recupero il Ricettario in dotazione con il robot da cucina Kitchen Aid e scorrendo le prime pagine trovo subito la ricetta che cercavo.
PASTA SFOGLIA SEMPLIFICATA.
Perfetto.
Giuliva come un’oca assonnata torno a letto,cercando di non fare il minimo rumore (avete presente,no? Tipo elefante ubriaco in una cristalleria…) mi rinfilo sotto le coperte per cercare di dormire (e lasciar dormire mio marito) almeno un altro pò.
Quando mi sono svegliata ero fiera e tronfia come un pavone prima ancora di comprare il burro per preparare la sfoglia.
Vado a rileggere la ricetta,scendo più giù della lista degli ingredienti e il mio sguardo diventa perplesso…
Inizio a contare i vari passaggi,le pieghe,il tempo di attesa in frigorifero…e per fortuna che era semplificata la ricetta!!
Niente panico,si fa tutto.
Ho detto niente panico.




Ps. Lo ammetto,questa sera per accompagnare questi stuzzichini sapete cosa preparerò??? Mmmm..non ho idee…
Fammi pensare…ci sono! 
Cotolette impanate.
Predico bene…razzolo male.



















VOLEVI LA PASTA SFOGLIA…scrigno di spinaci e brie



ingredienti : 


per la sfoglia : Ricetta tratta dal ricettario Kitchen Aid

(Io ho dimezzato le dosi)

110 gr di farina
80 gr di burro
1 pizzico di sale
100 ml di acqua fredda


ingredienti : per il ripieno


400 gr di spinaci freschi 
200 gr di Brie
1 uovo per spennellare 
semi di papavero per la decorazione



Iniziate con il preparare la pasta sfoglia :
Setacciate il sale e la farina e amalgamate con 25 gr di burro tagliato a tocchetti.
(Mi raccomando,tenete sempre il burro in frigorifero tra una lavorazione e l’altra,deve essere freddo).
Mescolate finché si formeranno tante briciole.a questo punto unite a poco a poco l’acqua e cominciate ad impastare fino a far diventare l’impasto liscio e sodo. Avvolgete nella pellicola per alimenti e riponete in frigorifero per 30 minuti.
Se volete nel frattempo potete preparare gli spinaci che avrete precedentemente mondato e risciacquato abbondantemente.
Per fargli depositare tutta la terra vi consiglio di tenerli a bagno in una capiente ciotola e scolarli dall’acqua sporca più volte,rimettendoli poi a bagno in acqua pulita.
Passateli direttamente in una padella senza scolarli troppo.
Salate e coprite con un coperchio.
Nel giro di qualche minuto appassiranno rilasciando la loro acqua.
A me piace lasciare le foglie belle croccanti per cui le scolo e poi le inserisco in uno scolapasta dentro una ciotola inserita a sua volta in una ciotola più grande contente ghiaccio e acqua.
Così facendo interrompiamo la cottura e l’ossidazione e rimangono di un bel verde brillante.
Poi gli posiziono sopra un peso e le lascio scolare.
Riprendete la vostra pasta e con un matterello tiratela fino a raggiungere le dimensioni di 30 cm per 20.
Spolverate spesso con la farina sia la pasta che la spianatoia.
Tagliate a listarelle 18 gr (circa!) di burro e adagiatele all’interno della vostra pasta, formando un rettangolo più piccolo.
Ora ripiegate la pasta su stessa facendo combaciare i lati ma non sovrapponendoli,per il senso della lunghezza.
Ripiegate i due lati (quelli laterali senza il burro) per chiudere la pasta,riavvolgete con la pellicola e riponete nuovamente in frigorifero per 10 minuti.
Prendete l’impasto,giratelo al contrario e con il matterello ristendetelo nelle dimensioni iniziali.
Ripiegatelo (senza aggiungere burro)per la lunghezza facendo combaciare ma non sovrapporre la pasta e poi ripiegate su se stesso.
Riavvolgete con la pellicola e fate nuovamente riposare 10 minuti in frigorifero.
Ripetete l’operazione di stesura (aggiungendo il burro tagliato a listarelle) per altre due volte,ripiegando e riponendo in frigorifero 10 minuti (è una rottura lo so…).
Fate un ultimo passaggio di stesura e piegatura,riavvolgendo nella pellicola trasparente e ora fate riposare per almeno 1 ora.
Ci sono un sacco di tempi morti,lo so!!
Potete tagliare il Brie,nel frattempo,in fettine spesse e lunghe.
Comunque,spolverate la spianatoia e con l’aiuto delle mani iniziate a schiacciare la pasta,così si deformerà meno mentre la stendete. Con il matterello assottigliatela ma lasciatela consistente.
Ritagliatela in 4 rettangoli di uguali dimensioni,adagiate il brie sotto e posizionate qualche spinacio sopra. Richiudete la pasta come preferite (io ho fatto una treccia) e spennellate con l’uovo.
Spolverate con i semi di papavero e cuocete in forno già caldo a 190° per 20 minuti circa.
La sfoglia deve essere bella croccante e dorata…













ANCORA DI VACANZE…



E poi smetto,ve lo giuro.
Riflettevo in questi giorni che quest’anno sono stata molto avara con i miei racconti vacanzieri.
A parte i soliti ” Tutto bellissimo,una vacanza da sogno!” ecc…ecc…non ho aggiunto granchè.
Qualche aneddoto che proprio non potevo tenermi dentro e stop.
Nient’altro da dire.
Non è che non ne avrei di cose da raccontare,posti magnifici e avventure strabilianti…E’ solo che questa volta non mi va.
Questa volta fatico a riprendermi e ritornare alla vita normale,jet leg latente in corpo,ho lo sguardo trasognato di chi in testa ha ancora mari azzurri e cieli blu.
Vi ricordate la pubblicità di quella famosa compagnia di crociere???
Si,proprio quella!
Dove lei pensa alla vacanza ormai finita e si mette a piangere???
Siamo a questo punto.
Me ne vado in giro con il baricentro più basso del normale (per la serie,mi sento ancora in ciabatte e in polleggio…) e con la testa tra le nuvole.
Giro per i negozi e parlo con le persone ma ho un’autonomia molto breve.
Non sono più abituata a tutto il rumore che ci circonda abitualmente.
Ho bisogno di tranquillità.
Quella tranquillità che sapevano darmi le onde quando si infrangevano sulla spiaggia.
Il ritmico frinire dei grilli e la magnificenza delle stelle.
Quante fotografie ho immaginariamente scattato…non volevo essere distratta nemmeno dallo scatto della fotocamera.
Cercavo di memorizzare ogni singolo dettaglio e racchiuderlo in una cartella apposita : [VIAGGI-EMOZIONI] e di godermi appieno il momento.
In tutta la sua magia.
Si può raccontare la magia?
No,per questo non posso dire di più delle mie vacanze,come si fa a descrivere un’incanto?
Già al momento di parlarne perde gran parte del suo mistero e del suo fascino…e io questo non posso proprio permetterlo.
Me ne rimango rinchiusa nella mia tana,con il mio sorriso beota e trasognato.
Preparo un thé e mi gusto questi muffin deliziosi.




































COCCOLE LAST MINUTE : muffin pere e cioccolato fondente



ingredienti : per 10 muffin circa

200 gr di farina
50 gr di fecola in polvere
150 gr di zucchero + 1 cucchiaio
80 gr di burro morbido
100 gr di cioccolato fondente 
40 gr di cacao amaro
1 pera Kaiser
1/2 cucchiaio di zucchero di canna

il succo di 1/2 limone
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per dolci
2 uova
miele di fiori
nocciole in granella




Iniziate tritando grossolanamente la cioccolata (potete utilizzare anche le gocce già pronte) e mettete da parte.
Poi pelate e pulite la pera,tagliatela a tocchetti e mettetela a marinare in una ciotola in cui avrete aggiunto il succo di limone,il cucchiaio di zucchero,lo zenzero e lo zucchero di canna. In questo modo si insaporirà e non tenderà ad annerirsi.
Tagliate a tocchetti il burro e montatelo insieme allo zucchero finché diventerà cremoso e spumoso,ora aggiungete le uova e continuate a mescolare.
In un’altra ciotola unite le farine,il cacao,il pizzico di sale e il lievito. Mescolate bene e aggiungete al composto con le uova. 
Fate amalgamare per bene mescolando energicamente e poi versate nei pirottini da muffin che avrete inserito negli stampi in alluminio o nell’apposita teglia.
Versate solo metà del composto,adagiate un cucchiaino di pere (senza il succo) e qualche pezzetto di cioccolato.
Ricoprite con altro composto per muffin sigillando bene i lati.
Fate cuocere in forno già caldo a 190° per 25 minuti circa.
Potete controllare la cottura con l’aiuto di uno stuzzicadenti.
Quando saranno cotti,fateli raffreddare e prima di servirli spennellateli con il miele e spolverate con la granella di nocciole.








DUE O TRE COSE CHE DOVRESTE SAPERE SULLA THAILANDIA…

Eccomi qua,di ritorno da ventidue giorni da sogno.
Mi sembrava un pò ordinario descrivervi come ho passato queste settimane tra mari blu e spiagge coralline… 
Così ho deciso di lasciarvi un paio di personalissimi consigli in caso decidiate anche voi di fare una meravigliosa vacanza in Thailandia…


PICCOLO VADEMECUM PER LA VACANZA PERFETTA : 


1° Togliete dalla valigia almeno la metà dei vestiti,non vi serviranno e occuperanno spazio che potrete dedicare agli acquisti.
2° Rimettete in valigia un paio di pantaloni lunghi e una felpa,potreste incredibilmente incappare nel giorno più freddo degli ultimi 30 anni registrato in Thailandia. 
3° Lasciate a casa qualsiasi olio e prodotto per capelli o per il corpo,per pochi spicci troverete l’olio di cocco che è il massimo come idratante.
4° Aspettate qualche giorno prima di usarlo come abbronzante,pena la spellatura di qualsiasi parte del corpo,orecchie comprese.
5° Non fatevi intimorire dall’acqua fredda della doccia,quando sarete ustionate la ringrazierete.
6° Usate il repellente per le zanzare,sempre. Con la dengue non si scherza.
7° I primi giorni berrete birra a qualsiasi ora,non preoccupatevi poi passerà.
8° Se potete,bevete anche acqua,possibilmente naturale al 100%. Controllate l’etichetta,spesso e volentieri quella che trovate è acqua distillata.
9° In mancanza d’altro si beve pure quella,sempre meglio di quella del rubinetto.
10° Non è detto che se vi lavate i denti con quella corrente starete male,ma io eviterei.
11° Ricalibrate il vostro concetto di doccia.
12° Le scarpe e le ciabatte si lasciano SEMPRE fuori dalla stanza,che sia la vostra camera,un negozio o un ristorante.
In effetti se ci pensate ha un senso,soprattutto quando camminerete nelle vie thailandesi.
13° Nessuno vi ruberà niente,le probabilità sono estremamente basse e se dovesse capitare è stato un turista e non certo un thailandese. 
14° Ricordate la pomata per le contusioni,corallo e sassi sono spesso coperti dalla sabbia,non si vedono ma si sentono.
15° Se vi annoiate in spiaggia,e vi assicuro che dopo giorni e giorni a far niente sotto il sole cocente capiterà,passate il tempo cercando conchiglie.
Vi sentirete come Smigol di fronte all’anello.
16° Ringraziate Dio che c’è il 7Eleven. Lo capirete solo una volta entrati : un supermarket aperto 24 ore che vende generi di prima necessità e soprattutto sforna toast e panini a cifre irrisorie che possono salvarvi la vita.
17° Il 90% delle volte che ordinerete un espresso vi serviranno una brodaglia scura che non ha niente a che fare con il caffè. A sto punto meglio caffè americano o thè.
18° Non sfidate la sorte e non ordinate cibo speziato thai style.
Anche se siete di quelli che danno di morso agli habanero.
Finirete con le lacrime agli occhi e lo stomaco in fiamme.
A quel punto solo il latte o il riso allevieranno le vostre pene,forse.
19° Non lasciate porte o finestre aperte e munitevi di zampironi,ne hanno di così potenti che in 30 minuti sterminano qualunque cosa voli nel raggio di metri.
20° Preparatevi ad avere ospiti nel vostro bungalow,il geco è territoriale e dicono porti fortuna. E’ assolutamente inutile cercare di scacciarlo. Tornerà appena spegnerete la luce.
21° Guardatevi i piedi prima di entrare nel letto e lavateli,sempre. Saranno neri,garantito.
22° Con pochi euro potete farvi lavare un sacco di biancheria,ma scordatevi l’ammorbidente.
23° Quando sarete stanchi di mangiare sempre thai passate al tuna sandwich,ha salvato parecchi stomaci.
24° Se starete male di stomaco non preoccupatevi,le farmacie sono fornitissime e vi danno medicine belle potenti.
25° Fate quanti più massaggi potete. Non importa dove,sulla spiaggia o sono una poltrona in albergo. Vi faranno massaggi da 10 e lode per pochissimi euro.
26° I cani randagi non sono pericolosi. Non abbiate paura ma non siate nemmeno incauti. 
27° Lavatevi spesso le mani.
28° Dimenticate di guardarvi allo specchio.
29° Stupitevi del fatto che siete pronte in 5 minuti,ma ricordate che succede solo in vacanza.
30° Controllate spasmodicamente dove avete il passaporto.
31° Abituatevi a diventare tirchi e a tirare sul prezzo un pomeriggio intero per un paio di euro.
32° Cambiate spiaggia tutti i giorni e cercate quelle più difficili da raggiungere.
33° Non preoccupatevi quando bucherete le gomme al motorino,capita almeno un paio di volte a vacanza. A qualunque ora troverete qualcuno disposto a cambiarvela per pochi spicci.
34° Non pronunciate MAI e dico MAI frasi offensive sul Re o Buddha. In ogni casa e locale sono appese foto dei reali,non scherzate nemmeno su queste. 
35° Sorry diventerà la prima parola che aprirà ogni vostra frase.
36° Se non chiedete lo sconto nessuno ve lo farà.
37° Munitevi di torcia,torna sempre utile e a volte é indispensabile per ritrovare la via di casa.
38° Non strillate quando calpesterete blatte giganti.
39° Godetevi il dolce far niente e lasciate che la vostra mente si svuoti tanto da non sapere più che giorno è.
40° Fate almeno un foot massage.
41° Occhio agli squali,ci sono eccome.
42° Se perdete qualcosa,pensate all’ultimo posto in cui siete stati e troverete quello che avete perso,anche l’iphone.
43° Si,siete nell’anno 2557. Non state sognando.
44° Guardate le stelle,qua hanno una magia speciale.
45° Ringraziate Dio o qualunque cosa in cui credete per i paesaggi mozzafiato che incontrete.
46° Prendetevi del tempo per fermarvi a guardare il tramonto e siate pronti a rimanere senza parole.
47° Lasciate le spiagge pulite e gettate i rifiuti.
48° Nell’aria regna un karma positivo,lasciatevi travolgere e non vi angustiate per le futilità.
49° Entrate in un’ottica diversa dalla vostra e siate pronti ad attendere anche un’ora per la cena. Nell’attesa bevete birra e rilassatevi.
50° RILASSATEVI. DORMITE. SOGNATE. FATE L’AMORE.




PS. 50° bis : Volate con compagnie aeree che vi facciano cambiare la data di ritorno,ci penserete eccome a rimanere ancora…
Perchè la Thailandia è magica,ha un che di speciale.
Ti cambia dentro e ti rimane addosso come un tatuaggio.








 




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 






IN THAI NON SI TROVA : polenta finger food

 
 

ingredienti per 4 persone :

 
250 gr di polenta gialla istantanea
1 litro d’acqua
200 gr di gorgonzola
100 gr di pancetta affumicata
sale grosso 
 
Mettete sul fuoco una capiente casseruola con l’acqua (io per ottenere una polenta più consistente ho utilizzato 900 ml di acqua invece di 1 litro) e salatela. Portatela a bollore e togliete dal fuoco. Aggiungete la farina di polenta poco alla volta mescolando con energia e facendo assorbire bene l’acqua. Rimettete sulla fiamma,e continuando a mescolare,aspettate qualche istante che torni a bollire.
A questo punto spegnete la fiamma e trasferite la vostra polenta in una teglia. Potete utilizzare anche quelle usa e getta da 6 porzioni. Livellate bene la superficie con l’aiuto di una spatola e aspettate che si raffreddi.
Riscaldate il forno a 200 ° e una volta che la polenta sarà fredda tagliatela in cubotti di uguali dimensioni e posizionateli ben distanziati in una teglia rivestita di carta forno.
Adagiate sopra a ciascun cubo di polenta una cucchiaiata di gorgonzola e una bella fetta di pancetta.
Passate in forno 5 minuti circa (giusto il tempo che il gorgonzola inizi a fondere) e poi selezionate la funzione grill per 2 minuti così la pancetta diventerà croccante.
Attenzione : creano dipendenza!
 
 
 
 
 
 

 

CONSIGLIA Muffins alle mandorle e albicocche